FEGATINI TOSCANI AL TARTUFO

INGREDIENTI:

Fegatini e durelli di pollo, Tartufo nero Estivo 1% (Tuber Aestivum Vitt), cipolla, carota, sedano, acciughe, capperi, olio extravergine di oliva, sale,pepe, aromi. Allergeni: sedano, pesce.

DESCRIZIONE PRODOTTO:

Patè che si trova su ogni tavola toscana servito su crostoni di pane riscaldati accompagnati dai tipici affettati e formaggi per un ricco e casereccio antipasto. Questi fegatini hanno la specialità di avere in aggiunta il sapore del tartufo nero che e rende il nostro tipico antipasto toscano ancora più speciale.


AQUISTA PRODOTTO
Image
COCCOLI DI PASTA FRITTA RIPIENI DI FEGATINI AL TARTUFO

 

Tempi di preparazione: 20 min + 4/5 ore di lievitazione
Ingredienti per 4 Persone: 500 gr farina 0 – 250 ml latte intero-250 ml acqua gassata- 500 ml olio arachidi- 1/2 cubetto di lievito di birra- sale- fegatini al tartufo 180 gr

Ogni regione ha la sua pasta fritta e i nomi e le forme di quest’ultima sono svariati, le versione che vi propongo prende il nome di “coccoli” dalla tipica forma rotonda. Questa pasta fritta accompagna formaggi ed affettati per un antipasto o aperitivo davvero sfizioso, io ho pensato di riempirli con il patè di fegatini toscani al tartufo per una versione street food deliziosa e saporita! Iniziamo con la preparazione della pasta: riempire un bicchiere con una parte dell’acqua gassata a disposizione e mettere a sciogliere il mezzo cubetto di lievito di birra dentro, intanto versate la farina in una terrina grande, aggiungete il latte, l’acqua gassata rimanente, girate l’acqua del bicchiere con dentro il lievito per farlo sciogliere bene e aggiungete anche questo. Aggiungere un paio di pizzichi di sale e iniziare a girare l’impasto con un cucchiaio, l’impasto deve risultare abbastanza morbido, il modo migliore per non lasciare farina sul fondo e amalgamare bene tutti gli ingredienti è impastarlo con le vostre mani, ovviamente lavatele bene prima di farlo! Una volta ottenuto un impasto omogeneo coprite la terrina con una pellicola e lasciate l’impasto a lievitare fuori dal frigo per 4/5 ore. L’impasto crescerà molto in fase di lievitazione quindi attenzione al contenitore dove intendete farlo lievitare, deve essere alto almeno il doppio del volume dell’impasto iniziale, se dovesse crescere fino a fuoriuscire, rompere la pellicola e stracciare la cima dell’impasto con un cucchiaio, si riabbasserà nell’immediato. Intanto scaldate i fegatini al tartufo in un tegamino per poi trasferirli in una sac a poche usa e getta con una punta di acciaio a foro grande e lasciatela da una parte. Una volta finita la fase di lievitazione, trasferire l’impasto in una o più sac a poche usa e getta e preparare la padella con l’olio per iniziare a friggere. L’olio deve essere abbondante e ben caldo, tagliate la punta della sac a poche in modo da creare un bel foro di fuori uscita per poter permettere all’impasto di scivolare nell’olio e prendere la forma rotonda desiderata. Preparate accanto a voi un vassoio con della carta da fritto sul fondo e una schiumarola. Prendete la sac a poche e iniziate far cadere l’impasto dentro l’olio, allargando e stringendo le vostre dita sulla punta della sac a poche, se starete vicini all’olio non vi schizzerete rischiando di bruciarvi. Una volta riempita la padella, lasciate friggere i vostri coccoli per qualche minuto girandoli e facendoli dorare in maniera uniforme. Toglieteli dall’olio e trasferiteli sulla carta fritto una volta cotti e salateli. Continuate fino all’esaurimento dell’impasto. Mentre sono ancora caldi, bucarli con la sac a poche riempita precedentemente con i fegatini al tartufo e riempirli come fossero una bignè, per fare questa operazione conviene essere in due persone, una persona frigge e l’altra li riempie mentre sono ancora caldi. Servite i vostri coccoli ripieni ancora ben caldi. Se non avete dimestichezza con la sac a poche potete utilizzare un cucchiaio per versare l’impasto nell’olio caldo a friggere, verranno di una forma più irregolare,per riempirli dovrete fare lo sforzo di provare ad utilizzarla.